Table of Content
1. Kundalini: seduti su un jackpot 
2. Kundalini: collegarsi alla sorgente ultima
3. Come collegarsi alla Kundalini?
4. L’atomo organico
5. Non costruire una bomba "Kundalini"!
6. Come attivare la Kundalini in altro modo?

Sadhguru: La parola “kundalini” si riferisce generalmente a quella dimensione dell’energia che deve ancora realizzare il suo potenziale. C’è un enorme volume di energia dentro di te che deve ancora trovare il suo potenziale. Sta semplicemente lì in attesa, poiché quello che chiamiamo un essere umano, si sta ancora formando. Tu non sei ancora un essere umano, sei un “umano in divenire.” Non sei un’entità assoluta di essere umano. C’è costante tensione per renderti un essere umano migliore.

Quando eri una scimmia, non desideravi diventare uomo. La natura ti ha semplicemente spinto avanti. Ma una volta che diventi umano, non c’è più evoluzione inconsapevole. Se sei inconsapevole, lo stesso ciclo senza fine delle stesse assurdità continuerà ad andare e riandare avanti. L’evoluzione arriverà solo se la cerchi consapevolmente.

Se diventi consapevole, l’evoluzione - o qualsiasi cambiamento - non può avvenire senza l’energia necessaria. Quindi, il processo evolutivo ha lasciato un’enorme quantità di energia non sfruttata che, se diventi consapevole, potresti usare per farci qualcosa di fantastico. È un tesoro su cui ti stai sedendo. Ma se guardi nella direzione sbagliata, non saprai mai che lì c’è un tesoro.

Kundalini: seduti su un jackpot

C’era una volta un mendicante che viveva in terribile povertà. Sedeva semplicemente sotto un albero e mendicava. Le persone gli lanciavano delle monete e lui continuava a campare. Un giorno morì e il suo corpo giaceva semplicemente lì. Non aveva amici o parenti e nessuno voleva portarlo da qualche parte per seppellirlo. Quindi fu deciso di seppellirlo proprio lì, sotto l’albero. Quando cominciarono a scavare, trovarono un enorme tesoro. A poche decine di centimetri sotto di lui c’era un enorme tesoro, un enorme recipiente pieno d’oro e lo sciocco era stato seduto lì tutta la vita a mendicare. Se solo avesse scavato sotto, sarebbe stato un uomo molto ricco. Ma sedette lì tutto il tempo da mendicante.

Questa è la via della Kundalini. Sta seduta proprio lì. Ognuno è seduto su un tesoro, ma guardano tutti in altre direzioni. Non guardano dov’è il tesoro. Così non realizzeranno mai che lì vi sia qualcosa del genere. La Kundalini è quel tesoro dentro di te che è stato lasciato inutilizzato, non sfruttato. Potresti usare quell’energia per trasformarti completamente in una dimensione assolutamente diversa, una dimensione che non puoi immaginare.

Kundalini: collegarsi alla sorgente ultima

Lascia che ti parli dalla tua esperienza di vita, perché le storie sulla Kundalini sono molte. A casa tua c’è una presa nel muro. Questa presa non produce in realtà nessuna energia. C’è un’enorme centrale elettrica da un’altra parte che sta producendo energia, ma non può darti quell’energia direttamente. È la presa che ti dà l’accesso. Anche se la maggior parte delle persone non hanno neanche pensato alla centrale elettrica e non hanno idea di cosa sia, sanno che se collegano un apparecchio ad una presa, l’apparecchio funziona.

C’è una “presa” all’interno del corpo umano. Non è una presa a tre poli, è una presa a cinque poli.

Allo stesso modo, c’è una “presa” all’interno del corpo umano. Non è una presa a tre poli, è una presa a cinque poli. Potresti aver sentito dei sette chakra. Il muladhara è come una presa. Perciò è conosciuto come muladhara. Muladhara significa “fondamento” o “basale”. Cinque dei restanti sei chakra sono la spina. Cos’è il settimo chakra, conosciuto come sahasrar? È come una lampadina. Se lo colleghi, tutto di te risplende. Se sei collegato bene, tenere la luce accesa ventiquattr’ore al giorno non è più un problema. Non devi spegnere la tua energia perché hai paura che la batteria possa esaurirsi. Puoi tenerla accesa sfacciatamente, senza preoccupazioni, perché sei collegato alla sorgente dell’energia.

Anche adesso, hai ancora energia. Puoi leggere quello che c’è scritto. Ciò significa che le energie vitali stanno funzionando, ma in un modo molto minuscolo. Solo una piccola parte sta funzionando. Se ti diventano interamente disponibili, se sei collegato bene, non c’è nessun limite a ciò che puoi farci. Anche una volta collegata la presa a casa puoi fare luce, puoi avere l’aria condizionata, puoi avere il riscaldamento, puoi avere la televisione – quello che vuoi. Soltanto una presa. Puoi farci tantissime cose.

Sfortunatamente, la maggior parte degli esseri umani non sono collegati. Cercano di generare la loro energia. Quindi mangiano cinque volte al giorno, eppure la maggior parte del tempo sono stanchi. Mandare avanti la vita è una lotta. L’energia non è solo nel senso di energia fisica o attività, l’energia è nel senso di vita. L’esistenza è energia, non è vero? La base dell’esistenza è energia. Se conosci quella base, è come conoscere le fondamenta della vita. Se comprendi le vie dell’energia, conosci l’intera meccanica della creazione. Quindi se sei collegato, sai cos’è l’energia, cosa può fare e cosa puoi farne tu. Sei collegato a una sorgente infinita di energia – questa è la Kundalini.

Come collegarsi alla Kundalini?

Per collegare un apparecchio, se ti tremano le mani, graffierai il muro ma non infilerai la spina. Allo stesso modo, infilare la spina a cinque poli nella presa è difficile per molte persone perché non c’è stabilità nel loro corpo, nella loro mente, nelle loro emozioni o nelle loro energie. Lo Yoga è un mezzo per ottenere la stabilità necessaria affinché tu possa infilare la spina. Una volta infilata la spina - energia sconfinata! Non devi andare a imparare o capire come funziona la centrale elettrica. Infili la spina e va tutto bene.

Lo Yoga è la scienza di infilare bene la spina in modo che ci sia una sorgente ininterrotta di energia. Una volta connesso a questa ininterrotta sorgente di energia, procederai naturalmente verso il fine a cui la vita brama. Non ti perderai in fantasticherie, nei tuoi sogni, pensieri, emozioni o legami del mondo.

L’atomo organico

Un essere umano è un “atomo organico”, un’unità individuale di vita. Per esempio, oggi, gli esseri umani stanno esplorando la scienza atomica. Un atomo non è neanche visibile, ma se lo distruggi succede qualcosa di tremendo. E se ti trovi in mezzo, ti succederà qualcosa di terribile. Nessuno aveva mai capito che poteva esserci così tanta energia racchiusa in questo minuscolo piccolo atomo, finché non l’hanno rotto. Allo stesso modo, c’è un’impressionante quantità di energia racchiusa in un essere umano. Il risveglio o il sorgere della Kundalini significa che hai trovato la tecnologia per attingere a quell’energia.

Tuttavia, se attingi a questa dimensione dell’energia, che è una forza fenomenale, devi essere su un terreno stabile. È come imparare a far funzionare l’energia atomica. Oggigiorno tutti imparano molto sulla scienza atomica a causa della situazione giapponese! Se hai dimenticato l’esperienza russa, i giapponesi te le stanno ricordando. Se attingi a questa energia, devi attingervi con estrema cautela. Se non sei nelle situazioni giuste, se sei sulla rotta di uno tsunami o un terremoto, potresti star attirando problemi. È la stessa cosa con la Kundalini.

Non costruire una bomba!

Con il tipo di vita che la maggior parte della gente vive, in cui ci sono troppe cose – persone, cibo o attività – che non sono sotto controllo assoluto, cercare di attivare la Kundalini perché hai letto un libro da qualche parte è come iniziare a costruire un reattore nucleare in casa perché hai letto su internet come farlo. Pare che fino al 2006 ci fosse un piano dettagliato, su come costruire una bomba nucleare, disponibile su internet! Non sappiamo quante persone lo abbiano scaricato. L’unica fortuna è che non hanno accesso al materiale occorrente. Anche con la Kundalini, ci sono troppe persone che hanno letto come, con il risveglio della Kundalini, puoi fare ogni sorta di cose miracolose. Ma sebbene possano sapere intellettualmente cosa fare, esperienzialmente non lo sanno. Ed è una buona cosa perché se rompono e aprono quest’energia e non sanno contenerla, può distruggere il tuo intero sistema istantaneamente. Non solo tu, anche le persone accanto a te potrebbero esserne enormemente danneggiate. Quindi la Kundalini è qualcosa di male? No. È una cosa straordinaria, ma ogni cosa straordinaria deve essere condotta con la massima cura e cautela.

Come attivare la Kundalini in altro modo?

Quindi c’è qualcos’altro che uno può fare? Ogni aspetto dello Yoga, in qualche modo, attiva la Kundalini. In effetti, ogni cosa che fai, che sia saltare per dieci minuti o giocare a calcio, attiverà la tua Kundalini in qualche misura. Nei momenti di assoluto coinvolgimento in un gioco, le persone dimostrano un fenomenale senso dell’energia, che non è possibile per loro in situazioni normali. Questo è perché la Kundalini viene attivata durante un’attività intensa. Ma cercare consapevolmente di romperla e aprirla per usarla è un’altra storia. Deve essere fatto sotto assoluto controllo e guida.

Nota del redattore: Estratto dal discorso di Sadhguru alla Scuola Isha di Hatha Yoga per il Programma di ventuno settimane di Formazione degli Insegnanti di Hatha Yoga. Il programma offre un’ineguagliabile opportunità di acquisire una profonda comprensione del sistema yogico e la competenza per insegnare l’Hatha Yoga. Per maggiori informazioni visita il sito www.ishahathayoga.com o scrivi un’email a info@ishahatayoga.com