logo
logo

Quando Shiva perse la sua casa - La leggenda di Badrinath

Sadhguru esamina la leggenda di Badrinath, come Vishnu ingannò Shiva e Parvati, e la storia millenaria del tempio.

Quando Shiva perse la sua casa - La leggenda di Badrinath


Sadhguru esamina la leggenda del tempio di Badrinath e come Shiva e Parvati furono indotti con l'inganno da Vishnu a lasciare la propria casa.

Sadhguru: C'è una leggenda riguardo Badrinath. È dove vissero Shiva e Parvati; un luogo magnifico a circa 3000 metri sull'Himalaya. Un giorno, Narada andò da Narayana o Vishnu e disse: "Sei un cattivo esempio per l'umanità, te ne stai sdraiato tutto il tempo sull'Adishesha, e tua moglie Lakshmi ti serve continuamente e ti vizia come non mai. Non siete un buon esempio per le altre creature del pianeta, per tutti gli altri esseri della creazione dovete fare qualcosa di più significativo".

Per sfuggire a queste critiche e per lavorare alla propria elevazione, Vishnu scese nell'Himalaya alla ricerca del posto giusto per fare la sua sadhana. Trovò Badrinath, una bella casetta, con ogni cosa proprio nel modo in cui pensava che dovesse essere; un luogo ideale per la sua sadhana.

Trovò una casa lì e vi entrò. Ma poi si rese conto che "questa è la dimora di Shiva e quell'uomo è pericoloso; se si arrabbia, è il tipo che può tagliarsi la gola da sé, non solo la tua. Quell'uomo è molto pericoloso".

Così Narayana si trasformò in un bambino piccolo e si sedette davanti alla casa. Shiva e Parvati, che erano usciti per una passeggiata, ritornarono a casa. Quando arrivarono, davanti all'ingresso della loro casa, un bambino piccolo stava piangendo. Vedendo quel bambino che piangeva a dirotto, l'istinto materno di Parvati emerse e volle andare a tirarlo su. Shiva la fermò e disse: "Non toccare quel bambino". Parvati rispose: "Che crudeltà. Come puoi dire questo?".

Shiva disse: "Questo non è un bambino buono, perché è finito da solo alla nostra porta? Non c'è nessuno in giro, nessuna impronta dei genitori nella neve, questo non è un bambino". Ma Parvati disse: "Sciocchezze! La madre che è in me non mi permetterà di lasciare che il bambino stia così", e portò il bambino in casa. Il bambino era molto confortevole, seduto sulle sue ginocchia, guardando assai gioiosamente Shiva. Shiva conosceva le conseguenze di ciò, ma disse: "Ok, vediamo cosa succede".

Parvati consolò e nutrì il bambino, lo lasciò a casa e andò con Shiva a fare un bagno nelle vicine sorgenti di acqua calda. Quando tornarono, trovarono che le porte erano state chiuse dall'interno. Parvati era sbalordita: "Chi ha chiuso la porta?", Shiva disse: "Ti avevo detto, non raccogliere questo bambino. Hai portato il bambino in casa e ora lui ha chiuso la porta".

Parvati disse: "Che cosa facciamo?".

Shiva aveva due opzioni: una era di bruciare ogni cosa che aveva davanti, un'altra era semplicemente quella di trovare un'altra strada e andarsene. Quindi disse: "Andiamo da un'altra parte, sicome è il tuo amato bambino, non posso toccarlo".

È così che Shiva perse la sua casa e che Shiva e Parvati divennero degli "stranieri illegali"! Girovagarono alla ricerca di un posto ideale dove vivere e alla fine si stabilirono a Kedarnath. Non lo sapeva? Potresti chiedere. Sai molte cose, ma comunque permetti che accadano.

    Share

Related Tags

Shiva e la sua famigliaStorie di Shiva

Get latest blogs on Shiva

Related Content

Shivanga – Diventare un arto di Shiva