logo
logo

Shiva e il Gange - La Leggenda e il suo Significato

Sadhguru rivela la leggenda del Gange che scorre dalle chiocche arruffate di Shiva e ciò che la storia cerca di trasmettere in modo dialettico.

Shiva e il Gange - La Leggenda e il suo Significato


Sadhguru: Come sai, il Gange è ritenuto sgorgare dalle ciocche attorcigliate di Shiva. C'è un detto sull'Himalaya: ogni picco è Shiva stesso. I picchi himalayani sono innevati e i molti rivoletti che scorrono da queste montagne innevate, lentamente si uniscono e diventano ruscelli e poi fiumi. Ecco perché dicevano che la montagna è come Shiva, e questi ruscelli che scorrono giù sono le sue chiocche che diventano il fiume Gange, che venne dai cieli – il che è verissimo perché la neve cade dal cielo.

È questo simbolismo ad aver creato la leggenda del Gange, che viene considerato essere l'acqua più pura perché viene dai cieli. Soprattutto ha acquisito una certa qualità scorrendo attraverso un certo terreno. Ho fatto trekking da solo ogni anno sull'Himalaya dall'età di 19 anni, e ho avuto sempre fame e sete, semplicemente perché arrivavo senza molto equipaggiamento. Tutto ciò che avevo erano pantaloni di cotone e una maglietta pesante. Ho sperimentato molte volte che solo poche sorsi di acqua del Gange, erano in grado di farmi andare avanti per più di 48 ore senza alcun senso di stanchezza. E ho sentito personalmente come molte persone hanno curato le proprie malattie, semplicemente bevendo acqua del Gange. Come sai, in India anche se qualcuno deve morire serve un po' d'acqua del Gange.

L'acqua del Gange può essere qualcosa di molto speciale, non perché credi in qualcosa, ma semplicemente perché la qualità dell'acqua è quella. È l'Himalaya che fa qualcosa a quest'acqua.

Un fiume è un'entità vivente

La leggenda narra che il Gange sia un fiume celeste che è atterrato su questo pianeta e che la sua forza avrebbe causato danno al mondo, così Shiva se lo mise in testa e lo lasciò scorrere attraverso i suoi capelli delicatamente lungo i pendii himalayani. Questa è un'espressione dialettica di ciò che esso significa per le persone, della sua sacralità. La purezza del fiume è diventata il simbolo stesso della purezza per un indiano. Se hai a che fare coi fiumi saprai che ogni fiume ha una vita a sé. Questo è vero in ogni parte del mondo, che sia il Nilo in Egitto, il Danubio in Europa, il Volga che scorre attraverso la Russia e i Paesi centro asiatici, il Mississippi in America o il Rio delle Amazzoni in Sud America. Non sono trattati come semplici corpi d'acqua. Come sappiamo molte culture si sono evolute dalle rive di un fiume per ovvie ragioni, ma per i popoli che sono strettamente associati al fiume, esso diventa un'entità vivente. Ha una sua personalità, ha i suoi umori, emozioni e eccentricità.

Un fiume è un processo vivente e questo è vero anche per il Gange in India. Io ho avuto la fortuna di viaggiare lungo il Gange fin proprio alla sua fonte a Gomukh e anche di risalire lungo quasi ognuno dei suoi maggiori affluenti – come il Mandakini, l'Alakananda e, naturalmente, il Bhagirathi che è la parte maggiore del Gange. Lassù, sull'Himalaya, significa santità e purezza, ma quando scorre giù nelle pianure è la salvezza delle pianure settentrionali del subcontinente indiano. Il Gange è stato testimone di innumerevoli dinastie che sorgevano e crollavano nel corso del tempo. È stato una fonte costante di forza e prosperità per le persone in quella parte del Paese.

Ora è arrivato il momento in cui lo consideriamo come una risorsa e lo abbiamo bloccato in una diga sull'Himalaya, il che ha ferito molte persone che vedono il Gange come una madre vivente o una dea. E ancora più giù nelle pianure è stato enormemente inquinato. Alcuni sforzi sono stati fatti da alcune persone interessate a riportare di nuovo il Gange alla sua natura incontaminata. Viaggio nell'Himalaya da 30 anni e vedo che c'è stato un grande cambiamento nel volume della neve. Tantissimi dei picchi innevati non sono più innevati e sono diventati spigoli nudi, appuntiti e frastagliati. C'è un serio pericolo per il Gange come fiume e il recedere del ghiacciaio sta avvenendo rapidamente, come possiamo vedere alla stessa apertura di Gomukh. Si chiama Gomukh perché era come il muso di una mucca. Ricordo la prima volta che ci andai – nell'agosto 1981 – era un'apertura di 4 o 5 metri dalla quale sgorgava l'acqua e somigliava molto alla bocca di una mucca. Oggi è una grotta larga 60 metri nella quale puoi camminare per circa 800 metri se vuoi.

L'impatto che il cambiamento climatico sta avendo sul fiume Gange è fenomenale e se a un certo punto minacciasse la sopravvivenza del fiume, questo significherebbe una grande catastrofe per la parte settentrionale dell'India, dove è sempre stato la salvezza del popolo.

L'Importanza di Salvare il Gange

Ogni cultura, ogni popolo, ogni civiltà ha bisogno di qualche simbolismo per ispirarsi a portare un diverso livello di santità nelle proprie vite. Il Gange lo fa da sempre e il più grande raduno di esseri umani avviene sulle sue sponde durante le Kumbhamela dove si riuniscono oltre 8 - 10 milioni di persone. In nessun altro luogo nel pianeta avviene un tale incontro di esseri umani. La spina dorsale di quest'ispirazione è sempre stata il Gange e la purezza che simboleggia per la gente. Questo simbolismo è essenziale. Salvare questo fiume e mantenerlo puro serve non solo per la nostra sopravvivenza e le nostre necessità, ma per tenere alto lo spirito umano.

Nota del Redattore: In questo video, Sadhguru spiega perché i fiumi sono venerati in India.

    Share

Related Tags

Shiva e la sua famiglia

Get latest blogs on Shiva

Related Content

Adi Yogi - Una Poesia di Sadhguru